Aglio Bianco
Toscano

8,00

L’Aglio Bianco Toscano è una Liliacea con un bulbo protetto da una tunica e contiene internamente un numero variabile di spicchi. Ogni bulbillo contiene una gemma capace di origine a una nuova pianta.

Peso: 1 Kg

Esaurito

Categoria:

Descrizione

Tecnica colturale

Questa Liliacea si adatta ai diversi tipi di suolo purché siano ben sistemati dal lato idraulico temendo come tutte le bulbose i ristagni d’acqua.

Effettuo la propagazione mediante bulbilli che semino da fine ottobre – primi di novembre fino a febbraio su terreno, ben preparato e soprattutto ben sistemato dal punto di vista idraulico.

Nella mia azienda scelgo i bulbilli migliori, di maggiore dimensione e perfettamente sani, ed eseguo la semina manualmente a distanze di 12-15 cm sulla fila e di 70 nell’interfila.

La profondità di semina è di 5/10 cm, variabile secondo la tessitura del terreno, e il bulbillo va posto rispettando la polarità, in maniera tale da favorire la germinazione.

E’ una coltura da rinnovo che non ama ritornare sullo stesso appezzamento prima di tre anni, specialmente se nella coltura precedente si sono avuti problemi fitosanitari (attacchi funginei).

Durante la crescita delle piante di aglio provvedo ad eliminare le erbe infestanti con 2-3 zappature manuali primaverili.

Per soddisfare le esigenze nutritive eseguo apporti di letame bovino pellettato proveniente da allevamenti biologici certificati.

Solitamente l’aglio bianco toscano coltivato in pieno campo non necessita di molta acqua: generalmente bastano le piogge primaverili. Se queste fossero scarse può utile irrigare per avere bulbi di buone dimensioni. A bulbo sviluppato non si deve comunque più bagnare per non favorire muffe e malattie che provocano marciume del bulbo.

Quando l’aglio inizia a seccare procedo alla raccolta manuale con vanghe e zappe, lasciando i bulbi ad asciugare per uno o due giorni al sole, dopodiché li sbarbettatto e li ripulisco delle impurità presenti. Infine li confeziono in trecce o in mazzi che conservo in luoghi asciutti, freschi, ben areati e ombreggiati per impedire lo sviluppo di muffe.

Proprietà
In cucina può essere utilizzato come ingrediente ideale per svariati modi: a crudo, intero o sminuzzato, secco in polvere o spremuto.

Per la sua elevata ricchezza in polifenoli, svolge una con potente azione antiossidante nei confronti dei radicali liberi.

Inoltre la molecola SAC (S-allilcisteina o allina) pur essendo responsabile del cattivo odore, vanta proprietà antinfiammatorie, antiossidanti ed un’azione positiva sulla riduzione del colesterolo, migliorando anche il metabolismo dei trigliceridi.

Svolge quindi un ruolo importante nella prevenzione dell’aterosclerosi e nelle problematiche dell’apparato cardiovascolare legate all’ipercolesterolemia.

Il suo consumo è utile anche contro bronchiti, raffreddori e molti germi capaci di infettare le prime vie respiratorie, per le proprietà antibatteriche.

Tutto il prodotto non contiene OGM, è privo di glutine e additivi.